Pescara: “Potature sbagliate anche sulla riviera nord”

Pescara. Dopo le denunce per la riviera sud, le associazioni Co.n.al.pa. Abruzzo, Co.n.al.pa. Pescara-Chieti e Pro Natura Abruzzo anche sulla riviera nord puntano il dito anche sulle potature effettuate sulle piante pubbliche della riviera nord, definendolo “uno scenario spettrale”.

“Numerose tamerici, alcune molto vecchie e di valore storico, sono state oggetto di capitozzature e interventi molto drastici di potatura”, riferisce il Conalpa, esprimendo la propria “indignazione e preoccupazione per questa gestione del verde che non rispetta le piante”.

“A causa di questi interventi, le tamerici rischiano di diventare un problema per l’incolumità pubblica. Le pesanti potature e i capitozzi peggiorano la salute degli alberi e sviluppano malattie. Abbiamo notato già esemplari compromessi da carie e malattie derivate da una gestione errata”, aggiungono gli ambientalisi.

Come già visto nella Riviera Sud, a Pescara si continua a produrre danni al patrimonio arboreo”, incalzano le associazioni, che chiedono al Comune di Pescara di “rispettare il proprio regolamento del verde che nell’art.16 dichiara che è espressamente vietata la capitozzatura e che ogni intervento di questo tipo o di potatura non eseguito a regola d’arte si configura a tutti gli effetti come un abbattimento.”