Pescara, inchiesta Asl: sequestrata la lettera d’addio di Trotta

Pescara. La Procura di Vasto ha posto sotto sequestro sia la lettera che gli altri effetti personali di Sabatino Trotta, lo psichiatra che si è suicidato in carcere la scorsa notte dopo essere stato arrestato per corruzione dalla Procura di Pescara al termine di una indagine su un appalto della Asl pescarese.

I magistrati vastesi hanno aperto un fascicolo, per ora contro ignoti, ma il cui destino è quello di essere tramutato in istigazione al suicidio qualora ne risultassero le evidenze.

Di norma le lettere dei suicidi, se contengono solo messaggi alla famiglia, vengono rilasciate ai familiari, mentre vengono acquisite se si ritiene che possono fornire elementi alle indagini.