Pescara, focolai Covid nelle scuole: “Sorveglianti contro gli assembramenti dei genitori”

Pescara “Organizzazione dello screening di massa anti-Covid-19 nelle scuole primarie di competenza comunale e utilizzo dei cittadini-redditi di cittadinanza per garantire la sorveglianza dinanzi alle scuole e impedire gli assembramenti dei genitori. Sono le due misure che andranno attuate dall’amministrazione comunale di Pescara per far fronte alla pandemia che, inevitabilmente, sta colpendo i nostri istituti comprensivi”.

Lo ha detto il Presidente della Commissione Pubblica istruzione ed edilizia scolastica Fabrizio Rapposelli ufficializzando l’esito della seduta odierna, che ha visto la partecipazione anche del vicesindaco Santilli, per fornire un aggiornamento dettagliato sulla diffusione del virus nelle scuole di competenza comunale, ovvero scuole dell’infanzia, e scuola primaria di primo e secondo grado.

“A oggi”, ricorda Rapposelli, “sono circa 800, tra studenti e docenti, le persone in quarantena fiduciaria a casa, mille se aggiungiamo gli studenti degli Istituti superiori, una situazione difficile che comunque, come ha spiegato l’assessore delegato alla Pubblica istruzione ed edilizia scolastica, il vicesindaco Gianni Santilli, è comunque monitorata ventiquattro ore su ventiquattro”.