Pescara, Fials “Tutela per i lavoratori del Cup Abruzzo”

Pescara. Un incontro urgente con l’assessore regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, per definire i contratti del personale in servizio presso il Cup Abruzzo.

 

E’ la richiesta del sindacato Fials conf.sal. Abruzzo, che con una nota stampa a firma del segretario regionale Fials, Gabriele Pasqualone, afferma:

 

“Come ormai è noto a tutti, il prossimo 1 gennaio 2020 scade l’appalto per il servizio esternalizzato dei CUP (Centro Unico di Prenotazione) nelle Aziende sanitarie abruzzesi”.

 

“Come sindacato, quindi, chiediamo sin d’ora di conoscere quale tutela si metterà in atto per i lavoratori che dalla ditta aggiudicataria passeranno, nel caso di diversa aggiudicazione rispetto la Ditta già operante, ad altra ditta”.


“In sostanza chiediamo la applicazione della cosiddetta ‘clausola sociale’ per il riassorbimento del personale.


L’incontro urgente è anche per richiedere un severo controllo dei contratti che queste ditte applicano al personale; personale che, operando nel settore sanitario, deve essere inquadrato con il CCNL – Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, comparto sanità”.

 

“Attualmente, infatti, non sono applicati contratti del comparto Sanità al personale operante nei CUP, ma di altra tipologia arrivando ad applicazioni di numerosi e diversi contratti ‘fantasiosi’ che nulla hanno a che fare con il comparto che hanno tutti la caratteristica di essere con salari che sono in danno ai lavoratori”.