Pescara, aggredisce i carabinieri e li minaccia con una siringa

Ultimo Aggiornamento: martedì, 29 Maggio 2018 @ 15:05

Nel corso della nottata odierna, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Pescara hanno tratto in arresto, nella flagranza dei reati di resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali, Mohamed Azzi Assaghir, 21enne di origini marocchine, gravato da numerose segnalazioni per reati contro il patrimonio.

Tutto è iniziato intorno alle ore 22.00 quando, nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di reati in genere, una “gazzella” del Radiomobile, nel transitare lungo via Tiburtina, ha incrociato il ragazzo che, a passo svelto e con fare circospetto, si stava allontanando dal complesso residenziale noto come “Ferro di Cavallo”.

Visto l’atteggiamento sospetto ed ipotizzando che potesse aver acquistato sostanza stupefacente hanno deciso di fermarlo, ma quando si sono avvicinati questi li ha dapprima minacciati con una siringa per poi darsi a precipitosa fuga. I militari lo hanno prontamente raggiunto ed il ragazzo ha opposto ancora resistenza strattonandoli con forza; una volta condotto presso gli uffici, nonostante fosse ammanettato, ha colpito nuovamente con un calcio uno degli operanti procurandogli una ferita alla mano.

Riportata la situazione alla calma l’arrestato è stato condotto presso il carcere di San Donato dove resterà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa di udienza di convalida.