Movida Pescara, 2 denunce nel primo sabato post-lockdown: multe a chi senza mascherina

Pescara. Le prime due serate di movida post-lockdown a Pescara hanno portato alla denuncia di 2 persone e a 9 multe per i mancato utilizzo della mascherina di protezione individuale.

Sono state più di 70 le persone identificate ieri sera, primo sabato in cui i locali della movida del centro e di Pescara Vecchia hanno riaperto dopo l’emergenza Covid, grazie al dispositivo di controllo interforze messo in piedi dalla questura di Pescara.

Molti dei locali delle due zone hanno deciso di riaprire solo dalla prossima settimana, ma i giovani sono comunque scesi in strada per una passeggiata e un drink, soprattutto nella zona pedonale tra piazza Muzii e via Battisti.

Ma se nella zona del centro storico sono stati davvero pochi i giovani presenti, nel centro cittadino è stata registrata una presenza ben più massiccia di persone e, verso la mezzanotte, sono scattate le chiusure per mantenere il distanziamento sociale e sciogliere alcuni assembramenti.

Durante i controlli, 9 persone sono state multate perché non portavano la mascherina obbligatoria, nonostante fossero in presenza di altre persone. Altri 2, invece, sono state denunciate per ubriachezza molesta e ancora 2 scortate in questura per essere identificate.

Scattata la chiusura totale dei locali all’una, in tanti sono rimasti in piazza Muzii, costringendo gli agenti ad invitare la folla a defluire.

“Nel rammentare a tutti il rispetto delle prescrizioni vigenti in materia di contenimento e contrasto del Covid-19”, recita una nota della Questura, “soprattutto divieto di assembramento, distanziamento sociale ed utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, si preannunciano ulteriori controlli nella giornata odierna”.