Montesilvano, cancro dei platani: abbattuti 4 alberi

Montesilvano. “Il cancro colorato dei platani”, così è definito il fungo che ha colpito i quattro esemplari abbattuti in via San Francesco, fino a svuotarne il tronco.

“A seguito di una relazione dettagliata da parte degli agronomi – afferma l’assessore al Verde pubblico Paolo Di Blasio – sono stati rimossi alcuni platani in via San Francesco a causa di una malattia, un fungo che aveva ridotto a uno stato terminale gli alberi (da come si evince dalle foto), mettendo a rischio i pedoni. Abbiamo già previsto la sostituzione dei platani e l’inserimento di altri alberi e di aiuole lungo il viale. Il fungo purtroppo si può diffondere dalle piante infette a quelle sane sia naturalmente per contatto radicale. Gli organi riproduttivi del fungo si conservano vitali per diversi anni nel materiale legnoso e possono essere trasportati dal vento o da veicoli in transito lungo le strade. La diffusione spontanea da piante infette avviene per contatto radicale pertanto, per evitare che il fungo infetti anche altri alberi è stata indispensabile la rapida eliminazione sia delle piante attaccate che di quelle immediatamente vicine ad esse”.

“Il 17 Aprile 1998 il Ministero per le Politiche Agricole ha emanato un nuovo decreto di lotta obbligatoria contro il cancro colorato del platano e una circolare applicativa con le note tecniche per la corretta esecuzione degli interventi di potatura delle piante sane e abbattimento delle piante affette dal patogeno. Anche questo decreto purtroppo non ha impedito l’avanzata della malattia sul territorio nazionale. Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali il 29 febbraio 2012 ha pubblicato il Decreto n° 4715 – Misure di emergenza per la prevenzione, il controllo e l’eradicazione del cancro colorato”, conclude l’assessore.

SOSTIENI CITYRUMORS
Svolgiamo il nostro lavoro con continuità e professionalità, tutti i giorni con notizie puntuali e gratuite.
Questo lavoro ha un costo, per questo abbiamo bisogno di te e del tuo aiuto.
Diventa un sostenitore attivo di cityrymors, anche con un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro.
CLICCA QUI e diventa un sostenitore di cityrumors
Grazie! La Redazione.