Covid Pescara, caos tracciamento: 20 operatori in più per la Asl

Pescara. Anche a causa della mancanza di personale, la Asl di Pescara è in difficoltà nel tracciamento dei contatti dei positivi al coronavirus e corre ai ripari.

Da domani saranno operativi 20 nuovi operatori che si occuperanno proprio di contact tracing: già oggi è stata effettuata la formazione per le operazioni da svolgere.

Un caos nel caos, dato che nel capoluogo adriatico e in tutta la provincia la variante inglese è responsabile del 70 per cento dei contagi.

Nelle ultime settimane il sistema sanitario è andato in tilt, non solo per quanto riguarda i ricoveri – il Covid Hospital è al completo e si fa fatica a gestire i tanti accessi quotidiani – ma anche per quanto riguarda le attività di tracciamento dei contatti dei positivi, una delle misure essenziali per contenere la circolazione del virus e spegnere sul nascere i focolai.