Città Sant’Angelo: espropriati i terreni per il Corridoio verde adriatico

Città Sant’Angelo. Si è concluso l’iter di espropriazione dei terreni da parte del Comune nella zona di Città Sant’Angelo.

Con la Delibera di Giunta numero 11 del 26 gennaio 2021, l’amministrazione comunale ha messo fine alla questione degli espropri per la realizzazione dei lavori del “Corridoio verde adriatico”.

Un’opera collegherà la provincia di Teramo e la provincia di Pescara, con una bretella sia ciclopedonale e sia destinata alla circolazione delle auto. Entro la prima metà del mese di marzo 2021, sarà presentato il progetto mentre entro il mese di giugno di quest’anno, saranno appaltati i lavori.

Soddisfatto della fine di questo lungo iter burocratico, il sindaco Matteo Perazzetti commenta: “Appena insediati, ci siamo immediatamente resi conto che le trattative con i proprietari dei terreni interessati, non era mai stata avviata. Bisognava partire da zero e parlare con ogni singola proprietà. Poi ci si è messo di mezzo il covid, rallentando tutto. Alla fine, però, nonostante grandissime difficoltà e ripensamenti da parte di alcune persone, siamo riusciti a concludere le trattative. Adesso, si potrà finalmente partire. Già nella prima decade di marzo prossimo, avremo il progetto per poi appaltare i lavori nei primi giorni d’estate”.

“È stato davvero tutto molto complesso ma non ci siamo mai fatti prendere dallo sconforto, perché era doveroso far prendere vita al Corridoio verde adriatico. È un’opera cruciale per il nostro turismo e per la viabilità, che consentirà di decongestionare dal traffico le arterie principali, permettendo ai ciclisti e ai pedoni di potersi godere un panorama mozzafiato”, conclude il sindaco.