-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Bussi: “Rischio bonifica fra 10 anni”

Ultimo Aggiornamento: lunedì, 12 Luglio 2021 @ 18:01

Bussi sul Tirino. La bonifica delle aree ex 2A e 2B di Bussi rischia di allungarsi ancora. Lo ha dichiarato il consigliere regionale del Pd ed ex presidente della Commissione d’Inchiesta su Bussi, Antonio Blasioli, che in conferenza stampa ha sollevato dubbi sui tempi dei prossimi passaggi previsti chiedendo un incontro a Regione e Ministero della Transizione Ecologica.

“Siamo molto preoccupati”, afferma, “perché abbiamo scoperto in un verbale del ministero che tutte le problematiche emerse con il parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici saranno rimesse ad un accertamento di un ente accreditato oltre che del Cta del Provveditorato dei Lavori Pubblici; poi ci sarà la Conferenza dei Servizi e solo dopo potrà essere aggiudicato l’appalto; infine si passerà al progetto esecutivo. Se tutto dovesse andare bene occorrerà un anno. Siamo preoccupati perché la Edison si era detta pronta a partire già dal mese di novembre e quindi si perderà tanto tempo”.

L’altra cosa che preoccupa Blasioli è che i fondi per individuare la società accreditata “saranno a carico della Legge 10 del 2011 e cioè dei 45 milioni di euro stanziati per la bonifica dei siti ex 2A e 2B: si tratta di 188 mila euro. Ma questa società, una volta individuata – spiega Blasioli – potrà chiedere delle integrazioni a Dec Deme (colosso belga leader nelle bonifiche) e se quest’ultima non dovesse soddisfare le integrazioni si passerebbe alla 2/a classificata, quindi ad una nuova progettazione sottoposta all’organismo di valutazione con tempi che si allungherebbero: questo fra 7-10 anni, tanto è il tempo che stimiamo per il completamento della bonifica”.

Il terzo problema riguarda l’articolo 4 dell’accordo di programma fra Regione e Ministero che dice che per tutte le somme in più dei 45 milioni di euro dovrà intervenire la Regione Abruzzo: “Si tratta di un paradosso perché noi abbiamo subito l’inquinamento. L’ultimo aspetto è quello di una comparazione fra i due progetti di bonifica della Dec Deme del 28 aprile e quello di Edison del 16 aprile. Edison propone di togliere nella prima fase 130 mila metri cubi di rifiuti ad un prezzo di 45,8 mln di euro. Dec Deme invece 255 mila metri cubi a 33 mln di euro”, conclude Blasioli.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate