-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Pescara: presidio e contro presidio, al mercatino finisce in danza con i senegalesi-VIDEO

Ultimo Aggiornamento: lunedì, 30 Ottobre 2017 @ 6:39

manifestazione_antirazzista_mercatinoPescara. Picchetti, presidio, manifestazioni e contro manifestazioni. La tensione salita attorno al presidio di Forza Nuova contro il mercatino etnico dell’area di risulta si è sciolta tra balli e musiche africane.

Una settimana di tensione, montata all’indomani dell’annuncio di Forza Nuova. Del gruppo estremista, che ora punta direttamente al Parlamento, l’idea del presidio domenicale contro il mercatino etnico dell’area di risulta. Non nazionalista, secondo il candidato alla Camera Marco Forconi, la radice della manifestazione, bensì una presidio per la legalità. Tanti, troppi, secondo i forzanuovisti e secondo La Destra di Nico Lerri, gli occhi chiusi nei confronti dei ‘vu cumprà’ dall’amministrazione comunale che non riscuoterebbe la tassa di occupazione di suolo pubblico sulle bancarelle e dalle forze dell’ordine, che tartassano gli esercenti commerciali e soprassiedono alla vendita senza scontrino di merce contraffatta, per la quale era stata chiesta la distruzione in pubblica piazza.forzanuova_mercatinoetnico

Poco tempo è passato per le reazioni, sia dei partiti politici di fronte opposto, con Sel e Rifondazione che sono andati a chiedere direttamente al questore Passamonti di non autorizzare il “presidio neofascista”, come lo hanno definito, sia dei pescaresi convinti che l’integrazione sia cosa giusta e legale. E mentre Forconi otteneva il permesso e rassicurava i suoi, la macchia d’olio della solidarietà ai senegalesi si spargeva in città. Pian piano il mondo dell’associazionismo, la Cgil, il Movimento 5 Stelle e il tam tam su Facebook, dove due eventi organizzati sono confluiti in un unico passaparola, hanno organizzato una contromanifestazione. Così, mentre stamattina alle 10 una quarantina di affiliati a Forza Nuova hanno distribuito volantini sul piazzale della vecchia stazione ferroviaria, poche decine di metri più in là, in mezzo agli ombrelloni che coprono i banchi di cd, dvd, borse e occhiali, si è consumata il vero “scontro dei colori”. Se i più pessimisti temeva perfino la colorita battaglia tra rossi e neri, nell’accezione politica, è andata in scena un più colorato bianchi contro neri, dove pescaresi e africani sono sì venuto a contatto, ma sfregandosi tra loro in una festa danzante. manifestazione_antirazzista_bangladeshCon un pizzico di colore in più aggiunto da alcuni membri dell’associazione regionale Bangladesh. Altoparlanti con musica reggae e africana ‘a palla’, trecce saltellanti, ‘visi pallidi’ incrociati a sorrisi sgargianti e un ballo interminabile che ha sfidato la pioggia. Fino a mezzogiorno, quando l’ordinata manifestazione di Forza Nuova ha sciolto le “marziali” fila.

Di qua chi è convinto che, ormai non più clandestini, gli africani pescaresi contribuiscano al fisco e alla vita quotidiana italiana. Di là chi ha voluto dire “Basta con i buonismi e le tolleranze tout-court che generano sperequazioni ed alimentano conflitti sociali e basta con le discriminazioni verso gli italiani”. In fondo, rigurgiti d’antan a parte, la democrazia è anche questo.

Daniele Galli


-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate