Pescara, Festa di Sant’Andrea: la collaborazione della Croce Rossa

Pescara. Tre giorni intensi quelli della consueta festa di Sant’Andrea per i volontari della Croce Rossa, impegnati a garantire primo soccorso e assistenza sanitaria durante i festeggiamenti in onore del patrono della gente di mare.

Con 3 ambulanze, 4 squadre di volontari a piedi, 2 equipaggi in bici, 1 equipaggio in segway e 2 quod con con a bordo i volontari della Misericordia di Pescara, nel corso della festa sono stati eseguiti 21 interventi; alcuni di questi sono stati coordinati dalla centrale operativa mobile posizionata all’altezza della Madonnina, ai piedi del Ponte del mare, in costante contatto radio con tutte le unità dislocate nell’area interessata,

Il giorno della processione in mare, lo scorso 30 luglio, gli operatori CRI specializzati nel Salvataggio in acqua (OPSA), dei Comitati CRI di Penne e Pescara, a bordo del natante di servizio, hanno affiancato le numerose barche in corteo, pronti ad intervenire per ogni evenienza.

“Dopo i drammatici fatti di Torino e la conseguente circolare del 7 giugno 2017 del capo della Polizia, dottor Gabrielli, riguardante i sistemi di sicurezza per le manifestazioni che prevedono un grande afflusso di pubblico, le regole da rispettare sono diventate particolarmente stringenti”, afferma Fabio Nieddu, presidente del Comitato della Croce Rossa. “Ma, in realtà, per noi determinati meccanismi di coordinamento sono sempre stati ‘di casa’, considerate l’esperienza e la professionalità che da più di vent’anni mettiamo al servizio della Comunità”.

Una grande festa, insomma, dove ancora una volta l’efficiente macchina della Croce Rossa Italiana, Comitato di Pescara, con il prezioso ausilio dei colleghi della Misericordia di Pescara, ha permesso di poter garantire serate tranquille alla cittadinanza all’insegna del divertimento.