Pescara, Università: cresce il numero degli idonei per la Borsa di studio

Ultimo Aggiornamento: lunedì, 30 Ottobre 2017 @ 5:02

Pescara. Circa 1000 studenti universitari in più rispetto allo scorso anno hanno ricevuto lo status di idoneità per ricevere la Borsa di studio.

E’ quanto emerso dai dati del rapporto presentato in Comune a seguito della campagna ‘Pescara Città Universitaria’, promossa dall’associazione studentesca ‘360 gradi’, che in collaborazione con l’Udu (Unione degli universitari) ha ampliato le fasce reddituali per garantire l’accesso alla borsa di studio a un maggior numero di studenti.

L’adsu e la Regione hanno quindi aperto un tavolo di lavoro durante il quale sono stati discussi alcuni punti in accordo con la campagna ‘Pescara Città Universitaria’:

primo fra tutti, il dialogo con gli Enti di riferimento riguardo il trasporto notturno tra Chieti alta e Chieti, Chieti-Pescara e all’interno della città di Pescara;

in più, la richiesta di tariffe agevolate per gli studenti e il prolungamento degli abbonamenti da 9 a 12 mesi per favorire gli spostamenti degli studenti universitari che vivono la città anche nei mesi estivi.

Fondamentale è l’idea di accordo con gli Enti circa il medico che garantisca l’assistenza sanitaria agli studenti fuori sede.

L’Adsu Chieti-Pescara ha inoltre dato il proprio consenso al progetto ‘Case sicure’ e alla conseguente creazione di un database in cui registrare gli immobili divisi per fasce di prezzo e che abbiano regolare contratto, che rispettino gli standard di agibilità e le certificazioni energetiche.

Su richiesta dell’associazione ‘360 gradi’, tramite il proprio rappresentante Adsu, Dario Valeri, è stata approvata l’apertura, al termine degli ultimi lavori di ristrutturazione e adeguamento alle norme sismiche, della palazzina Ex Orlandi in Viale Marconi a Pescara con la destinazione a ufficio amministrativo Adsu dove gli studenti potranno consegnare documenti e richiedere le tessere mensa, un ufficio informativo, una sala studio e una sala di co-working.

L’iniziativa punta a una fattiva collaborazione tra Enti con la partecipazione della rappresentanza studentesca al fine di creare un ponte tra gli atenei di Pescara e Chieti.