-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Inchiesta Mare-Monti: al via udienza preliminare. WWF chiede di essere riconosciuto parte civile

Ultimo Aggiornamento: sabato, 28 Ottobre 2017 @ 16:13

wwfPescara. Domattina al Tribunale di Pescara udienza preliminare del procedimento penale sull’inchiesta “Mare-Monti”. Le indagini sono state condotte dal Corpo forestale dello Stato, coordinato da Guido Conti ed hanno preso il via nel 2008 con il sequestro di un tratto della mare-monti, realizzato senza le necessarie autorizzazioni nei confini della riserva naturale (Oasi WWF) del lago di Penne. Per questo domattina il WWF chiederà di essere ammesso in qualità di parte civile nel procedimento.

“Abbiamo contribuito – ha spiegato Dante Caserta, consigliere nazionale del WWF – fattivamente a salvare da un vero e proprio ecomostro una delle aree protette più conosciute in Italia, esempio concreto di economia sostenibile fondato sulla preservazione del paesaggio vestino. Due ponti con pilastri di decine di metri avrebbero deturpato non solo l’oasi ma anche il centro storico di Penne, con gravi conseguenze ambientali. Purtroppo il cantiere è penetrato nell’area protetta senza alcuna autorizzazione della riserva e per questo ora chiediamo che sia fatta giustizia”.

Gli indagati la strada statale 81 Piceno-Aprutino dell’area vestina. sono 14, accusati a vario titolo, di truffa aggravata in concorso, falso ideologico, corruzione, concussione, violazione delle leggi ambientali.
Nel registro degli indagati sono stati iscritti l’ex presidente della Provincia di Pescara Luciano D’Alfonso, gli imprenditori Carlo, Alfonso e Paolo Toto, rispettivamente proprietario e amministratore della Toto Costruzioni spa, il progettista Carlo Strassil, già arrestato nell’ambito della stessa inchiesta il 19 aprile scorso, e il commissario straordinario dell’intervento Valentina Olivieri.
Indagati anche il responsabile unico del procedimento Fabio De Santis, coinvolto pure nell’inchiesta sui grandi appalti del G8 a Firenze, Michele Minenna dirigente dell’Anas, Paolo Lalli direttore dei lavori, Roberto Lucietti responsabile del procedimento, l’ingegnere Raniero Fabrizi, Angelo Di Ninni incaricato dalla Provincia di valutare l’incidenza ambientale della variante, Paolo Cuccioletta della società Archingroup, e Cesare Ramadori del consiglio di amministrazione della Toto.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate