6.5 C
Abruzzo
venerdì, Agosto 19, 2022
HomeNotizie PescaraCronaca PescaraPescara, sgomberato campo rom di via della Torretta

Pescara, sgomberato campo rom di via della Torretta

Ultimo Aggiornamento: domenica, 29 Ottobre 2017 @ 12:04

pescara_sgombero_via_torrettaPescara. E’ stato sgomberato nella mattinata odierna l’accampamento abusivo dei rom esistente da anni in via della Torretta. Poco dopo le 7 una task force composta da Polizia municipale, Squadra Mobile, Carabinieri, Corpo Forestale dello Stato, Guardia di Finanza, vigili del fuoco, 118 e tecnici, ha bussato alle porte delle cinque roulotte parcheggiate lungo la carreggiata stradale, completamente impegnata e vietata al transito di altri mezzi, notificando il provvedimento di allontanamento. Quattro le famiglie che hanno lasciato subito l’area; la quinta ha tentato inizialmente di tergiversare, ma intorno alle 11 si è ugualmente dovuta arrendere dinanzi al presidio, mentre sono stati staccati tutti gli allacci di fornitura di acqua potabile ed energia elettrica.

“La problematica è stata sollevata lo scorso gennaio in occasione delle sedute del Comitato per l’Ordine pubblico e la Sicurezza – hanno precisato il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia e l’assessore all’Ambiente Isabella Del Trecco dopo l’esecuzione odierna del provvedimento di sgombero dell’accampamento di via della Torretta, una traversa di via Raiale, accampamento installato da anni proprio lungo il viale d’accesso all’ingresso della sede della società Attiva Spa – il quale ha preso in esame la situazione di forte disagio presente ormai da anni in via della Torretta, già più volte affrontato, dal luglio 2009, dall’amministrazione comunale che sul posto ha eseguito diversi sopralluoghi e verifiche. Sostanzialmente la strada è stata occupata da un vero e proprio campo nomadi, ogni giorno più numeroso, con camper, roulotte e giostre, un campo che per anni ha utilizzato una corsia di marcia della strada, nello specifico la corsia sud, come area privata, impedendo il transito di qualunque altro mezzo, compresi i camion della Attiva. L’amministrazione è già intervenuta a più riprese nei mesi scorsi, istituendo inizialmente, già nell’aprile 2010, il divieto di fermata su entrambi i lati di strada vicinale Torretta, divieto rimasto inosservato dai cittadini presenti nel campo. Nel frattempo la stessa Attiva è intervenuta sul ‘caso’ segnalando i pericoli legati a quella presenza, che tra l’altro costringeva i mezzi della ditta a viaggiare contromano sull’unica strada aperta per rientrare nel proprio stabilimento, con i relativi rischi, oggetto di un esposto presentato anche alla Procura della Repubblica. Nel frattempo nei mesi scorsi il Responsabile del Centro di Chieti della Snam Rete Gas ha evidenziato che su quel tratto di strada occupato dalle roulotte e da depositi di vario materiale c’è anche un metanodotto che rendeva ancor più incompatibile la presenza del campo nomadi che ha sempre impedito anche lo svolgimento di interventi urgenti di manutenzione. La stessa Asl, in seguito a una propria ispezione, ha rilevato l’evidente polverosità dovuta al passaggio dei mezzi pesanti della Attiva e che rendevano inidonea la sosta e la permanenza di persone su un’area non attrezzata. La problematica è stata affrontata nel corso della riunione in Prefettura e il Comitato stesso, esaminati tutti gli atti prodotti, ha preso atto della necessità di procedere con l’adozione di un’ordinanza sindacale di sgombero dell’area, assicurando peraltro, in caso di necessità, il massimo supporto di tutte le Forze di Polizia, con l’obiettivo di prevenire ed eliminare i gravi pericoli all’incolumità pubblica. L’ordinanza, firmata lo scorso 13 gennaio, ha istituito il divieto assoluto di stazionamento di roulotte, camper e furgoni su entrambi i lati di strada vicinale Torretta, fissando inizialmente lo sgombero dei manufatti esistenti entro 30 giorni, dunque entro lo scorso 14 febbraio. La data è poi slittata quale dimostrazione di disponibilità del governo cittadino nei confronti degli occupanti del campo nomadi, i quali hanno chiesto qualche giorno in più per verificare la possibilità di individuare un’area alternativa in cui trasferire l’intero impianto di giostre e roulotte, chiedendo anche il supporto dell’amministrazione comunale che però, nonostante la ricerca condotta sul territorio e le interlocuzioni aperte con la Provincia di Pescara e con gli altri Enti locali, non è riuscita a individuare una possibile soluzione alla problematica. Infine, trascorsi oltre due mesi dalla firma dell’ordinanza e oltre un mese dalla scadenza della stessa, è scattata l’operazione di sgombero: intorno alle 7.20 una task force operativa composta da 10 agenti della Squadra Mobile della Questura di Pescara, 15 agenti della Polizia municipale, 4 Carabinieri, 4 unità della Guardia di Finanza, 6 uomini del Corpo Forestale dello Stato, vigili del fuoco, unità di soccorso del 118, i tecnici di Enel, Aca e Attiva, hanno bussato alle porte delle roulotte parcheggiate lungo via della Torretta, dove gli occupanti ancora dormivano, notificando loro il provvedimento di sgombero immediato. In tutto abbiamo trovato cinque distinti nuclei familiari: le prime quattro famiglie, circa una decina di persone in tutto, con quattro roulotte, hanno raccolto le proprie cose e si sono allontanate senza alcun problema. La quinta famiglia, composta da cinque persone, con due tir, una giostra e una roulotte, ha tentato di opporsi al provvedimento, adducendo una serie di difficoltà in merito allo spostamento e alla custodia della giostra, ma alla fine si è dovuta arrendere, mentre i tecnici dell’Enel e dell’Aca hanno provveduto rispettivamente a tagliare la linea elettrica e quella potabile, togliendo dunque le forniture di luce e acqua. A quel punto anche la quinta famiglia ha abbandonato l’area, lasciando spazio alla Attiva che ha avviato la bonifica della superficie. L’amministrazione comunale ha dunque risolto una problematica che per anni ha creato disagi e forti tensioni anche tra i residenti, oltre che tra gli operatori della Attiva, eliminando una situazione di evidente pericolo e ripristinando legalità e sicurezza nell’area”.

Nel frattempo le famiglie con mezzi al seguito si sarebbero sistemate su un terreno di proprietà privata, poco distante, situato in via Raiale, completamente recintato, dove pagheranno un affitto mensile.

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'