Pescara, cani senza guinzaglio e bisogni non puliti: 30 padroni multati in 3 giorni

Pescara. Sono oltre 30 i verbali fatti dalla Polizia Municipale, in servizio in borghese nei parchi della città, a chi non ha rispettato le normative vigenti relative relativamente sia alle deiezioni canine, che all’utilizzo dei guinzagli, obbligatori al di fuori dalle aree di sgambettamento.

Il risultato è arrivato a soli 3 giorni dal varo dei controlli adottati dal Comune per il buon uso degli spazi comuni cittadini. I verbali hanno riguardato per lo più la tenuta del guinzaglio ed emerge, dall’analisi del resoconto della Polizia Municipale, la recidivitá di alcuni proprietari, che sono stati multati più volte per non aver ottemperato, malgrado una prima sanzione, alla regola che stabilisce come portare gli animali nelle aree verdi. Aree verdi in cui è possibile trovare le cosiddette zone di sgambettamento: molto diffuse, presenti in quasi tutti i parchi, e frequentate da chi ha a cuore la propria città e tutti gli spazi che essa offre.

“Si tratta di rispettare regole civili, regole che servono alla opportuna condivisione degli spazi comuni” – afferma l’assessore al Verde pubblico Laura Di Pietro – I parchi sono spazi di proprietà dell’intera cittadinanza e ognuno di noi, frequentandoli, deve farsi promotore del buon uso della cosa pubblica. Ringrazio la Polizia Municipale che continuerà a portare avanti quest’azione di controllo e monitoraggio anche nei prossimi giorni.”

Presto il servizio interesserà anche le strade cittadine e verrà compiuto non più in borghese, ma in divisa.