-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Pescara Summer School, il workshop sulla nuova architettura della città

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 27 Ottobre 2017 @ 22:09

Pescara. Continua con un workshop internazionale il percorso del Protocollo d’intesa fra Comune e Dipartimento di Architettura dell’Università d’Annunzio, sottoscritto lo scorso marzo.

Ha preso il via oggi ‘Pescara Summer School’, una serie di eventi che vede la partecipazione di 8 università, di cui 7 straniere appartenenti all’area geografica della Macro Regione Adriatico-Ionica, con 420 studenti iscritti.

L’iniziativa prevede 8 appuntamenti fino al 12 settembre, che si svolgeranno in diverse sedi, tra cui l’aula Rossa dell’Università, piazza Troilo, lungo la golena sud, che sarà la location della Festa dell’Architettura, lo Stadio del Mare, l’Auditorium Petruzzi e lo spazio Matta.

In palio il Premio Ad’A, dedicato ai talenti del settore, con la mostra collegata.

Durante la settimana in corso di svolgimento si esploreranno, attraverso progetti esemplificativi, i possibili scenari di trasformazione di una decina di aree strategiche individuate dal Comune: ex Fea, Piazza Primo Maggio, Pineta Nord, area ferroviaria di risulta, ex cementificio, area presso ponte della libertà, lotto pendolo, aree industriali dismesse (zona ex Cogolo e zona quadrilatero lungofiume), scalo merci Porta Nuova, corridoio verde lungofiume.

“Penso che per la prima volta due enti come l’Amministrazione e l’Università lavorano insieme ad un coinvolgimento della creatività e delle competenze presenti sul territorio nella costruzione di una città più vicina all’identità e alla vita della comunità. Ci piace l’idea che ciò accada dentro la città e non solo dentro le rispettive sedi, ci piace anche l’adesione avuta dalla ‘Settimana’ da parte di nomi prestigiosi, come quello del professor Pierluigi Sacco, professore Ordinario di Economia della Cultura allo IULM di Milano, oppure il maestro Ettore Spalletti” ha affermato il sindaco, Marco Alessandrini.

“Diversi sono gli ‘output’ del Protocollo di Intesa, dall’elaborazione di una “vision”, all’applicazione sperimentale dei modelli di ricerca scientifica tramite dei dossier, passando all’organizzazione di momenti di confronto per rendere pubblico il lavoro che si sta facendo, allargando la partecipazione ai tavoli decisionali e ottenendo un feedback sulle scelte, capace di renderle più aderenti alle esigenze dei cittadini” ha affermato Paolo Fusero, direttore del Dipartimento di Architettura “Il primo Forum è stato organizzato all’Aurum lo scorso luglio, altri si svolgeranno a ottobre e a dicembre”.

“Il Protocollo di intesa Comune-Università si concluderà a dicembre con la pubblicazione del libro che raccoglierà i risultati del lavoro eseguito dal Dipartimento di Architettura che sta avvenendo senza alcun onere a carico dell’amministrazione comunale”.

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate