Pescara, indagini sugli immobili Asl. Pettinari: “Rimuovere D’Amario dalla Asl”

Ultimo Aggiornamento: domenica, 29 Ottobre 2017 @ 3:39

Pescara. La denuncia, con tanto di coinvolgimento di Striscia La Notizia, nei confronti di Claudio D’Amario era valsa al consigliere regionale Domenico Pettinari la citazione per danni per 200mila euro da parte del governatore D’Alfonso. Ora che è scattata l’indagine, l’esponente del M5S chiede la revoca dell’incarico al manager della Asl di Pescara.

“L’incarico del Direttore generale Asl Claudio D’Amario deve essere revocato”: la richiesta arriva da Domenico Pettinari (M5S), al Presidente della Regione Abruzzo in seguito all’indagine della Procura di Pescara  relativa all’acquisto della palazzina Asl di Via Rigopiano su cui Pettinari ha puntato l’obiettivo  già da tempo. Il consigliere pentastellato, infatti,  ha  denunciato il caso “dell’affare sbagliato” in Consiglio Regionale tramite  un intervento prima e un’interpellanza regionale poi.  Successivamente  ha presentato  anche  alla Squadra Mobile di Pescara  un esposto su alcune presunte irregolarità nell’acquisto da parte della Asl del famigerato edificio.

L’aver portato alla luce in una conferenza stampa alcune  criticità dell’investimento da oltre 6 milioni di euro (2 milioni e 800 mila euro costo di acquisito e 4 milioni di euro stanziati per ristrutturare la palazzina), per un immobile che l’anno prima è costato al proprietario circa  900mila euro, è costata a Pettinari una cospicua richiesta di risarcimento danni da parte del Presidente D’Alfonso che si è sentito “leso” nella sua immagine e per questo ha chiesto al consigliere 200mila euro. Ieri, però, la Procura a caccia di qualcosa di anomalo, ha fatto scattare perquisizioni a tappeto presso abitazione ed uffici dei soggetti coinvolti. Sono finiti sotto inchiesta il Direttore Generale della Asl di Pescara, l’imprenditore che ha venduto l’immobile alla Asl e altri due dirigenti della stessa azienda sanitaria. Secondo la Procura l’ipotesi di reato sarebbe relativa all’art. 353 del Codice Penale e riguarderebbe la turbata libertà della  scelta del contraente .

“Non vogliamo avere ragione a tutti i costi” commenta Pettinari  “ma i fatti ci danno ragione, i fatti ci dicono che i nostri dubbi erano fondati e ancora una volta possiamo dire che il Movimento 5 Stelle sta  dalla parte giusta . “Vorrei ricordare” continua il consigliere “ a chi mi accusa di essere “portatore di odio”  ( o “barelliere di odio”) solo perché faccio fino in fondo il mio dovere, che la denuncia all’Autorita’ giudiziaria è uno dei sacrosanti doveri istituzionali che ha l’uomo dello Stato, laddove ritenga che operazioni legate alla pubblica amministrazione presentino lati oscuri” .