L’Aquila, centro antiviolenza: in arrivo tre milioni di euro

Ultimo Aggiornamento: sabato, 4 Novembre 2017 @ 12:21

L’Aquila. “La buriana delle inchieste su rimborsopoli, al di là delle telenovele e dei momenti tragicomici e farseschi, ha riportato al centro dell’attenzione la questione del centro antiviolenza. Adesso è tempo di concretezza”.

A dichiararlo è la senatrice del Pd Stefania Pezzopane, la quale annuncia che grazie ad un emendamento approvato in Senato, i tre milioni di euro saranno presto a disposizione della Provincia dell’Aquila, che d’intesa con il Comune, dovrà provvedere alla realizzazione di una struttura per l’accoglienza delle donne oggetto di violenze o in difficoltà.

“Nonostante le diverse appartenenze politiche” aggiunge la senatrice “Comune e Provincia hanno ora l’opportunità di cambiare passo, di invertire la rotta e di dare un segnale preciso, dando seguito ad un impegno che abbiamo preso con le donne e con il territorio. Sono certa che Provincia e Comune, presto attorno ad un tavolo, non si faranno sfuggire una simile occasione, ben sapendo quanto sia difficile la condizione femminile.

Con i tre milioni di euro, che solleciterò il Ministero a far entrare nella casse della Provincia nel più breve tempo possibile, si potrebbe finalmente concretizzare un obiettivo che il territorio attende da tempo. Esiste già un’ipotesi progettuale del Comune, elaborata quando ero assessore alle Politiche sociali e discussa in numerosi incontri pubblici con le associazioni femminili, che hanno dimostrato un enorme protagonismo, che prevede l’utilizzo di quei tre milioni per la riqualificazione di Santa Teresa in via Roma.

In tantissime realtà d’Italia i centri per le donne sono gestititi dalle donne stesse. Sarebbe opportuno restituire alle donne dignità politica e potere decisionale- conclude- aprendo a breve un confronto i centri antiviolenza e le tante associazioni femminili, che si sono battute per la realizzazione di una simile struttura, per verificare quale percorso intraprendere, magari in rete con i centri di Sulmona e di Avezzano e altre strutture operative nel territorio”.