6.5 C
Abruzzo
sabato, Agosto 20, 2022
HomeNotizie L'AquilaCultura & Spettacolo L'AquilaCovid e fertilità: team di ricercatori identifica proteina in spermatozoi umani

Covid e fertilità: team di ricercatori identifica proteina in spermatozoi umani

Ultimo Aggiornamento: martedì, 5 Aprile 2022 @ 11:59

È stata identificata per la prima volta da un team di ricercatori dell’Università di Teramo e dell’Università dell’Aquila la presenza della proteina Angiotensin-converting enzyme 2 (ACE2) in spermatozoi umani.

Si tratta di una proteina conosciuta da anni e coinvolta in importantissime funzioni biologiche quali la regolazione della vasocostrizione delle arterie e che si trova sulle cellule dell’epitelio polmonare dove protegge il polmone dai danni causati da infezioni, infiammazioni e stress. Recentemente è stata portata alla ribalta dalla dimostrazione del suo coinvolgimento nella patogenesi dell’infezione da SARS-CoV-2 (noto come COVID-19), perché si tratta del recettore che permette al virus di legarsi ed entrare nella cellula ospite.

Il team di ricercatori della Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari ed Ambientali dell’Università di Teramo (Marina Ramal-Sanchez, Costanza Cimini, Angela Taraschi, Luca Valbonetti, Nicola Bernabò e Barbara Barboni) insieme ai colleghi dell’Unità di Andrologia del Dipartimento di Medicina Clinica, Sanità Pubblica, Scienze della Vita e dell’Ambiente dell’Università dell’Aquila (Arcangelo Barbonetti e Chiara Castellini) ha pubblicato proprio in questi giorni sulla prestigiosa rivista International Journal of Molecular Science un articolo dal titolo “ACE2 Receptor and Its Isoform Short-ACE2 Are Expressed on Human Spermatozoa” nel quale è stata descritta la presenza della proteina negli spermatozoi di 40 volontari sani, di un’età compresa tra 24 e 36 anni, che non sono mai stati affetti da SARS-CoV-2.

Si tratta di un risultato “estremamente importante – si legge in una nota – perché lo studio ha permesso di identificare due forme della proteina, quella classica ed una isoforma a più basso peso molecolare. Quest’ultima, scoperta solo di recente, è espressa negli epiteli respiratori nasali e bronchiali umani e la sua espressione aumenta in risposta al trattamento con interferone (IFN) o dopo infezione da rinovirus, ma non a seguito di contatto con SARS-CoV-2. In conclusione, lo studio da una parte ha consentito di mettere all’attenzione degli scienziati una nuova macchina molecolare, potenzialmente coinvolta nei processi che portano i gameti maschili ad acquisire la loro capacità fecondante, dall’altra dischiude nuovi orizzonti nella comprensione delle interazioni tra SARS-CoV-2 e fertilità”.

Riferimenti articolo: Ramal-Sanchez M, Castellini C, Cimini C, Taraschi A, Valbonetti L, Barbonetti A, Bernabò N, Barboni B. ACE2 Receptor and Its Isoform Short-ACE2 Are Expressed on Human Spermatozoa. International Journal of Molecular Sciences. 2022; 23(7):3694.
https://doi.org/10.3390/ijms23073694
https://www.mdpi.com/1422-0067/23/7/3694

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'