L’Aquila, furto al centro commerciale con le figlie. Doveva stare ai domiciliari

Nel pomeriggio di oggi, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di L’Aquila hanno arrestato una donna, 30 anni, con precedenti.

 

Nello specifico, i carabinier hanno dato esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip Guendalina Buccella. La donna, ristretta presso la propria abitazione a L’Aquila, in regime di arresti domiciliari, ha approfittato di un permesso, ottenuto per la cura dei propri figli minori, per compiere un furto. Le accuse infatti sono di evasione e furto aggravato.

Le indagini sono partite dalla denuncia sporta dalla proprietaria di un negozio del centro commerciale “L’Aquilone” ai militari dell’Arma. In quella circostanza la denunciante ha consegnato alcuni filmati delle telecamere interne dell’esercizio commerciale, nei quali si poteva vedere una signora che, in collaborazione con due ragazze minorenni, attraverso più azioni ripetute, sottraeva merce dagli espositori, occultandola in una grossa borsa bianca e nera, che portava al seguito. Addirittura la donna, per eludere al meglio la sorveglianza delle commesse, ha acquistato qualche capo di abbigliamento dal valore irrisorio.

I carabinieri hanno studiato attentamente le riprese e hanno identificato le tre autrici del delitto, che sono risultate essere una mamma con le due figlie di sedici e tredici anni. Pertanto, hanno immediatamente informato la Procura ordinaria e la Procura per i Minorenni di L’Aquila, e per la donna, il Sostituto Procuratore della Repubblica, Guido Cocco, ha subito richiesto una misura adeguata che si è concretizzata nell’arresto odierno, attesi anche i numerosi precedenti penali della donna.