6.5 C
Abruzzo
lunedì, Maggio 16, 2022
HomeNotizie L'AquilaCronaca L'AquilaScurcola Marsicana, raro pesce dragone sequestrato in negozio

Scurcola Marsicana, raro pesce dragone sequestrato in negozio

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 20 Gennaio 2022 @ 10:21

Scurcola Marsicana. Nei giorni scorsi militari del Nucleo Cites del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, a seguito di segnalazione di un cittadino del posto, hanno sequestrato presso una ditta commerciale di Scurcola Marsicana un esemplare vivo di Pesce dragone, specie inclusa nella Convenzione di Washington, e denunciato alla Procura della Repubblica di Avezzano, per la sua detenzione illecita, un cinquantenne avezzanese di origini straniere.

I Forestali del Nucleo Cites hanno rinvenuto nei locali dell’esercizio commerciale dell’indagato, all’interno di un acquario, un rarissimo esemplare di “Pesce dragone” o “Arowana asiatico” (Scleropages formosus Müller & Schlegel, 1840), specie tutelata sia dalla Convenzione di Washington del 1973 in quanto in pericolo di estinzione a causa della rarefazione delle sue popolazioni, dovuta ai prelievi illegali in natura.

Il possesso di tale specie, il cui valore commerciale può arrivare anche a 300mila euro, in base alle dimensioni e alla colorazione, nella tradizione popolare dell’Asia orientale è considerato beneagurante e, pertanto, i suoi esemplari vengono regalati agli amici e parenti come portafortuna.

Il pesce in questione, non avendo il titolare del negozio fornito ai militari operanti la certificazione Cites obbligatoria per legge per la detenzione dell’animale e non potendo, quindi, dimostrarne la legale provenienza, è stato sottoposto a sequestro d’iniziativa, già convalidato dalla Procura di Avezzano), ed affidato provvisoriamente in giudiziale custodia allo stesso indagato, in attesa del trasferimento presso un acquario autorizzato a detenere esemplari vivi tutelati dalla Convenzione di Washington – Cites.

“L’indagato”, ha dichiarato il Comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, “rischia ora l’arresto da sei mesi a due anni e l’ammenda da quindicimila a centocinquantamila euro per la detenzione dell’esemplare vivo di Pesce dragone, specie a rischio di estinzione”

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'