-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

L’Aquila, Processo Grandi Rischi: dito puntato contro la Commissione ma Tinari (FI) critica la Pezzopane

Ultimo Aggiornamento: sabato, 28 Ottobre 2017 @ 11:40

L’Aquila. Con l’intervento degli avvocati di parte civile Wania Della Vigna ed Antonio Valentini è iniziata questa mattina all’Aquila la seconda udienza del processo d’Appello alla Commissione Grandi rischi, l’organo scientifico consultivo della presidenza del Consiglio dei ministri per il quale il procuratore generale Romolo Como ha chiesto nell’udienza di una settimana fa la conferma della pena a 6 anni di reclusione inflitta in primo grado ai sette esperti. Si tratta degli scienziati componenti dell’organismo, organo scientifico consultivo della presidenza del Consiglio dei ministri, condannati in primo grado (il 22 ottobre del 2012) per omicidio colposo e lesioni per aver dato false rassicurazioni alla popolazione alla vigilia del terremoto del 6 aprile 2009 che causò la morte di 309 persone. In particolare gli imputati in carica nel 2009, sono accusati di aver rassicurato gli aquilani circa l’improbabilita’ di una forte scossa sismica che invece si verificò alle 3.32. Della Vigna in aula ha raccontato gli ultimi drammatici momenti di uno dei ragazzi morti nel crollo della Casa dello Studente, in particolare dello studente universitario Hussein ‘Michelone’ Hamade. “Mi sono salvato dal caos di Gerusalemme, non morirò all’Aquila”. “I ragazzi della Casa dello studente, dunque, sono stati condizionati dall’esito della Commissione. A loro non si rimprovera assenza di virtù profetiche, ma informazione incompleta”.

L’avvocato Della Vigna alla fine si è associata alla richiesta di conferma della pena del Procuratore Generale. Poi e’ stata la volta dell’avvocato Antonio Valentini, anche lui parte civile (originata dall’esposto dello stesso Valentini, l’inchiesta e’ divenuta di pubblico dominio il 3 giugno 2010 con l’emissione di sette avvisi di garanzia). “I maggiori esperti dissero che una scossa maggiore di quella del 30 marzo non ci sarebbe stata, passo’ il messaggio che le scosse stavano scaricando energia. I 7 scienziati inviati come massimi esperti – ha detto Valentini nella sua arringa – non fecero nulla di cio’ che avrebbero dovuto, sconcertante dare ancora credito a Giuliani (studioso del radon ndr)”.

Poi sul verbale ‘posticcio’, Valentini ha evidenziato come venne scritto nel pomeriggio del 6 aprile 2009, mentre si scavavano le macerie. La riunione del 31 marzo fu una grottesca pantomima. Il verbale postumo fu artefatto, edulcorato. Passo’ il messaggio che le scosse stavano scaricando energia. La commissione non doveva prevedere il rischio sismico, doveva piuttosto valutare il rischio”.

Gli ex componenti la Commissione Grandi Rischi che sono stati condannati per la morte di 29 persone ed il ferimento di altre quattro, coloro, cioe’ i cui familiari si sono costituti parti civili, poi divenute in tutto 56, sono: Franco Barberi, presidente vicario della Commissione Grandi Rischi, Bernardo De Bernardinis vice capo del settore tecnico del dipartimento di Protezione civile, Enzo Boschi, presidente dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Giulio Selvaggi, direttore del Centro nazionale terremoti, Gian Michele Calvi, direttore di Eucentre e responsabile del progetto C.a.s.e., Claudio Eva, ordinario di fisica all’Universita’ di Genova e Mauro Dolce, direttore dell’ufficio rischio sismico di Protezione civile. Cariche che gli imputati rivestivano all’epoca del sisma. Tutti in primo grado sono stati condannati in solido tra loro e con il responsabile civile (presidenza del Consiglio dei ministri, in persona del presidente del Consiglio dei ministri pro tempore), al risarcimento del danno, da liquidarsi in separato giudizio nei confronti delle parti civili. Anche l’udienza di domani e’ dedicata alle parti civili e parte delle difese.

“La senatrice Stefania Pezzopane, che si scaglia contro la Protezione civile per i difetti di costruzione nel progetto Case, dovrebbe riflettere prima di parlare”. Esordisce cosi’ una nota a firma del consigliere comunale di Forza Italia Roberto Tinari. “E’ assurdo, infatti, prendersela con chi, in quei drammatici mesi, ha gestito, peraltro in maniera ineccepibile, un’emergenza senza precedenti, assumendosi delle responsabilita’ e un carico di lavoro enormi. Tutti i cittadini aquilani – prosegue Tinari – ricordano, ne’ mai potranno dimenticare, cosa ha significato per tutti, in quei mesi, il supporto e il sostegno, all’Aquila come sulla costa, della Protezione civile. Cosi’ come tutti ricordano la senatrice, allora presidente della Provincia, impegnata a premiare Bertolaso e sorridente durante le visite ai megacantieri del progetto Case, quando era in fase di realizzazione. Lei, che oggi blatera, cosa ha fatto allora, forte del suo ruolo istituzionale di primo piano? Pensi piuttosto a sostenere la ricostruzione della citta’ – afferma il consigliere – a presentare proposte di legge, a perorare la nostra causa, visto che, da senatrice Pd e pure renziana, non e’ riuscita neanche a garantire una visita del premier, annunciata e mai avvenuta. La ricostruzione – conclude Tinari – e’ senza governance e senza referenti istituzionali a Roma, il Governo ci ha palesemente abbandonati e la senatrice Pezzopane non trova altri argomenti che attaccare la Protezione civile? Davvero siamo messi bene…”.

“I rappresentanti della commissione Grandi rischi hanno assunto la veste di pubblico ufficiale nella riunione del 31 marzo 2009. L’investitura poco interessa, hanno dato un responso accettando il ruolo. Tutti gli scienziati furono d’accordo che lo sciame sismico non preannunciava catastrofi. Queste sono parole pesanti come pietre”. E’ uno dei passaggi dell’avvocato Attilio Cecchini, uno dei legali di parte civile nel corso della seconda udienza in Corte d Appello del processo ai membri della Commissione Grandi rischi. “Questi scienziati sono uomini come noi e quindi possono sbagliare – ha continuato Cecchini -. Quando si tranquillizza la gente in situazioni come quella dell’Aquila, si inducono i cittadini a non uscire di casa o cercare rifugio dopo una scossa. Lo dico con dolore, costoro si allinearono alle indicazioni di Guido Bertolaso, lo conosciamo dalla telefonata dell’ex assessore alla protezione civile regionale, Daniela Stati”. “Se avessero dato un segnale congruo, in base anche alla loro regola di esperienza, i cittadini avrebbero assunto altri comportamenti”. L’udienza è stata aggiornata a domani quando ci sara’ la conclusione della sequenza delle arringhe degli avvocati di parte civile e dovrebbe cominciare a parlare anche qualche difensore.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,933FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate