Vastese, Pd: ‘La Regione si attivi per risolvere l’emergenza idrica’

Ultimo Aggiornamento: martedì, 31 Dicembre 2019 @ 16:36

Chieti. “Sulla grave emergenza idrica che ha colpito l’intero Vastese (a Vasto la situazione purtroppo non è ancora tornata alla normalità), gli esponenti del centrodestra sono arrivati all’assurdo! Scrivono e inviano comunicati stampa a destra e a manca chiedendo a gran voce le dimissioni del Presidente della Sasi, Gianfranco Basterebbe quando l’unica cosa che dovrebbero fare è chiedere le dimissioni della Giunta regionale di centrodestra visto che in un anno alla guida dell’Abruzzo nulla ha fatto in merito a questo grave problema (e non solo)”.

 Si legge così in una nota del Segretario del Pd Provinciale di Chieti, Gianni Cordisco, e dei Segretari del Vastese e deli Amministratori del Vastese, che prosegue: “Ricordiamo agli esponenti del centrodestra che la Sasi è il gestore della rete idrica e che il controllo è invece della Regione. Ricordiamo loro inoltre – e per informare nel vero i cittadini – che la precedente Giunta regionale a guida centrosinistra aveva stanziato un miliardo di euro per sopperire e sostentare queste gravi emergenze idriche e che invece l’attuale Giunta regionale a guida Marsilio in questi mesi ha solo stanziato poche migliaia di euro che a nulla servono se non a sperperare soldi pubblici senza risolvere o tamponare in alcunché il problema. Basti guardare le sole ultime 70 ore. I cittadini vastesi sono, giustamente, esasperati.

 Siamo tutti consci e consapevoli che la rete idrica necessita di un serio e risolutivo ammodernamento che risolva alla base questo annoso problema e che per far ciò occorrono milioni e milioni di euro. Cifre di certo non irrisorie, ma non impossibili da reperire. Bastano volontà e impegno.

 Ma con una Regione assente e silente, con un Presidente e una maggioranza di centrodestra che pensano solo ad approvare Leggi-mancia a favore di alcuni Comuni e a discapito di altri senza alcun criterio, la questione non può certo che peggiorare, come purtroppo sta accadendo.

 Che la Sasi dal canto suo stia facendo tutto il possibile per limitare e ridurre il problema, è sotto gli occhi di tutti. Dalla vigilia di Natale fino ad oggi gli operai, con il presidente Basterebbe a seguito, stanno lavorando incessantemente per rispristinare quanto prima la situazione. La Regione invece cosa sta facendo? Gli esponenti del centrodestra che tanto scrivono, attaccano e puntano il dito contro gli altri, cosa stanno facendo? Nulla!

 Invitiamo pertanto gli stessi di finirla ad incolpare la Sasi e il centrosinistra, e li invitiamo inoltre ad adoperarsi nell’immediato sollecitando i loro rappresentanti regionali a ri-prendere in mano la situazione, visto che oramai ne hanno perse addirittura le redini. E se non ne sono capaci, è bene che vadano a casa…subito!

 L’acqua è un bene primario. La strumentalizzazione politica è deleteria e non risove il problema!”.