-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Hospice Torrevecchia Teatina, interviene La Sinistra Chieti Bene Comune

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 26 Marzo 2021 @ 17:01

Chieti. A Torrevecchia fino a poche settimane fa era attivo un hospice della Azienda Sanitaria, cioè una struttura che accoglie malati terminali per i quali la presenza in ospedale, oltre che costosa, è purtroppo oramai inutile, a causa del carattere incurabile della malattia. Da poco la struttura è stata destinata ad essere un centro vaccinale. Lo si è fatto per coprire una inefficienza scandalosa: non si era in grado di mettere a disposizione del presidio sanitario il personale necessario per farlo funzionare. Con questa scelta, però, si è lasciati senza cura i malati e sono stati lasciati soli i loro familiari. Così facendo, non solo si è deciso di fare morire in casa chi comunque non aveva più speranze di vita, ma si è anche scelto di farli morire senza quelle cure, dette “palliative”, che possono alleviare il dolore provocato dalla malattia. Si è deciso di addossare alle famiglie la cura del malato sia di giorno che di notte. Chi può e se c’è disponibilità può chiedere che l’hospice di Lanciano accolga il suo caro.

Una persona coinvolta in prima persona nella vicenda ha scritto alla nostra Associazione questa lettera. La facciamo nostra perché senza retorica ed acrimonia, con parole semplici e dirette, si appella alla nostra umanità, per ricordarci che la cura verso chi muore e la cura del proprio simile sono gli elementi distintivi del nostro essere uomini.

“Eccoci di nuovo ad intervenire su argomento che a molti può apparire tetro e forse addirittura fastidioso. Non è facile parlare in pubblico di dolore, ma il dolore esiste e fa parte della nostra vita. E’ certamente un valore la possibilità di avere cure ed attenzione finché si emette l’ultimo respiro. Per questa ragione è stato giustamente apprezzato e salutato come un grande successo l’apertura dell’hospice di Torrevecchia. Un centro prezioso, ove si alleviava, per quanto possibile, il fine vita o si accedeva a cure nel caso di tumori estesi o, purtroppo, non più gestibili dalla medicina. Un centro non solo sanitario, che offriva un supporto alle famiglie che vivono il loro congiunto come una persona che sta per lasciarli ma che ha pur sempre diritto a non soffrire troppo. Io credo che rispettare il dolore e la fragilità umana serve a rendere tutti più sensibili alla vita. L’hospice, infatti, non è solo un fatto privato. Non è solo un contenitore di malati terminali. Al contrario è un simbolo della ostinata intenzione della società umana di farsi carico della persona fino alla fine, della volontà di farsi carico del suo essere sempre ed ancora un nostro simile. E’ un luogo che accoglie e accompagna il dolore dei familiari. E’ un modo per dire “non vi lasciamo soli”. E’ un modo per rendere sociale, quello che al contrario sarebbe solo un fatto familiare, privato, “degli altri”. Mentre è anche “nostro”. I luoghi del dolore non devono essere rimossi, prima allontanando la morte dalla vista degli altri malati, poi eliminando fisicamente lo stesso hospice. Eppure è proprio quello che è successo. Certamente servono posti dove vaccinare contro il covid 19, ma scegliere di farlo proprio all’hospice è come dire: fra i tanti posti possibili scegliamo questo perché abbiamo altre urgenze, abbiamo urgenze “vere”; l’hospice è la struttura che si può sacrificare con meno danno. Eppure niente impedisce di individuare altri luoghi pubblici: musei, scuole, chiese, cinema, Posti di luce che non dovremmo spegnere ulteriormente per chi non ha più neanche il buio. Dovremmo chiedere scusa ai pazienti ed ai parenti che in questo momento di pandemia non hanno la possibilità di aver vicino chi soffre. Chiedere scusa è un gesto nobile, che anche i “grandi” possono rivolgere ai “piccoli””.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate