Elezioni Chieti, Amicone: ‘Sì a coalizione con il centrosinistra, ma solo a guida Movimento 5 Stelle’

Chieti. “Siamo ancora aperti a un dialogo con il centrosinistra che si è sicuramente dimostrato collaborativo: molte linee programmatiche delle quali abbiamo discusso potranno trovare facilmente ampia condivisione, da parte di entrambi gli schieramenti”, così interviene la deputata del M5s Daniela Torto. “Dopo anni di politica priva di idee, in una città che continua ad avere le stesse problematiche che presentava anche venti anni fa, l’unico vero cambiamento sul modo di fare politica e di amministrare è rappresentato dal M5s: negli ultimi anni abbiamo davvero modificato la politica italiana, riportando al centro degli interessi il cittadino e il bene comune”.

E conclude la deputata, “un’alleanza a guida M5S, cioè con Luca Amicone candidato sindaco di una coalizione, riporterebbe un rinnovamento anche in quell’area di centrosinistra che ha bisogno di cambiare paradigmi ed anche i metodi. Ma c’è ancora tempo per arrivare ad una convergenza e sono assolutamente convinta che questa eventualità ci potrebbe condurre al ballottaggio con il centrodestra, ad oggi diventato un’accozzaglia di persone che, da tanti anni sono nella politica cittadina, ma che poco o nulla hanno cambiato di questa città”.

Interviene anche il candidato sindaco del M5s Luca Amicone, “Chieti è in evidente perenne difficoltà rispetto a tutte le realtà che ci circondano, coloro che fino ad oggi hanno amministrato non hanno fatto niente. Noi siamo l’unica vera e credibile alternativa ad un centrodestra che nei fatti ha proposto solo slogan e che per di più è anche distribuito su diverse liste, non soltanto in quella di Di Stefano”. Continua Amicone, “e tuttavia non ne voglio fare nemmeno una questione di numero di liste, bensì di metodo: non è il numero elevato di candidati che fa la differenza, perché solo una piccolissima percentuale entrerà in comune. Chieti potrà arrivare ad una svolta e ad una crescita reale soltanto puntando sulla qualità delle persone e della proposta amministrativa; devono cambiare tante cose, partendo dalle più semplici”. Insiste il candidato sindaco del M5s, “ad esempio, se il cittadino va in comune perché ha bisogno di qualcosa, non è possibile che per arrivare ad avere anche un risultato sia spesso necessario chiedere un favore a un consigliere comunale o a un assessore. Costringere il cittadino a rivolgersi al politico, che in seguito potrà vantare “un credito” nei suoi confronti, vuol dire dare ancora forza a quel vecchio modo di fare politica che ha lasciato la nostra città, e l’Italia intera, immobile da vent’anni”. Conclude Luca Amicone, candidato sindaco per il M5s, “la macchina amministrativa deve rinnovarsi: noi del M5s abbiamo il coraggio di affermare anche queste cose, di cui tutti sono a conoscenza; eppure nessuno mette al centro dell’attenzione questa problematica. L’amministrazione comunale troppo spesso viene vista come un nemico, quando in realtà dovrebbe essere un fedele alleato del cittadino. Questo è una delle tante cose che voglio fare per la nostra città: riportare la macchina amministrativa del comune a servizio del cittadino, in un clima di leale collaborazione”.