Elezioni Chieti, Amicone: ‘Riorganizzare la macchina amministrativa e chiedere più assunzioni di tecnici’

Chieti. È stata raggiunta ieri pomeriggio l’intesa tra lo Stato, le Regioni e gli enti localo sulle procedure per la presentazione dei progetti del “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare”. Nell’ultima legge di bilancio era stato introdotto questo programma che stanzia oltre 850 milioni di euro fino al 2033, per concorrere alla riduzione del disagio abitativo, con particolare riferimento alle periferie”, così la deputata del M5s Daniela Torto. “A questi finanziamenti potranno accedere i comuni con più di 60 mila abitanti, ma anche i comuni capoluogo di provincia, nonché le regioni attraverso la presentazione di un massimo di 3 progetti.

Saranno finalizzati a riqualificazione e riorganizzazione del patrimonio destinato all’edilizia residenziale sociale e incremento dello stesso, alla rifunzionalizzazione di aree, spazi e immobili pubblici e privati anche attraverso la rigenerazione del tessuto urbano e socioeconomico, ma anche al miglioramento dell’accessibilità e della sicurezza dei luoghi urbani e della dotazione di servizi e delle infrastrutture urbano-locali; inoltre potranno essere presentati progetti per la rigenerazione di aree e spazi già costruiti, soprattutto ad alta tensione abitativa, incrementando la qualità ambientale, ma anche progetti innovativi di inclusione sociale, welfare urbano nonché di processi partecipativi”, prosegue la pentastellata. “Anche con questa azione, il Governo di cui il movimento 5 stelle è maggiore azionista mette in campo un valido sostegno, concreto mettendo a loro disposizione un ulteriore strumento per migliorare la qualità della vita delle nostre città”, conclude la deputata Torto.

“Le risorse per migliorare ed offrire ai nostri cittadini una Chieti diversa, più bella e funzionale, ci sono; purtroppo il comune non ha una una struttura amministrativa che sia in grado di presentare progetti di grande qualità anche a causa dei molti pensionamenti, e che, quindi, sappiano reperire questi finanziamenti”, interviene il candidato sindaco del M5s Luca Amicone. “Proprio per questo se verrò eletto Sindaco di Chieti il primo passaggio sarà
riorganizzare e ottimizzare la macchina amministrativa e chiedere al Governo di incrementare la possibilità di assunzioni.” prosegue Luca Amicone.

È altrettanto importante avere le giuste capacità anche nella fase esecutiva del progetto, perché una volta reperite le risorse, è necessario il massimo impegno affinché questi finanziamenti vengano effettivamente spesi e non ritornino indietro”, continua Amicone. “Ovviamente tutto ciò deve essere inserito all’interno di un disegno strategico, di idea della città, che il Movimento 5 stelle ha da tempo.

Ad esempio riqualificare le aree della città prossime al centro storico, alzando la qualità della vita di quei quartieri da troppo tempo abbandonati; tutto ciò, accompagnata da un piano di decoro urbano del centro, permetterà a Chieti di diventare realmente una città appetibile, soprattutto dal punto di vista culturale”, conclude il candidato sindaco del M5s.