mercoledì, Settembre 28, 2022
HomeNotizie ChietiPolitica ChietiChieti, sì della Giunta alle agevolazioni Tari: ecco cosa c'è da sapere

Chieti, sì della Giunta alle agevolazioni Tari: ecco cosa c’è da sapere

Il sindaco e gli assessori: “Oltre un milione di euro di sgravi per famiglie, imprese e professionisti in difficoltà”

Chieti. Sì della Giunta a sensibili riduzioni tariffarie Tari per oltre un milione di euro, a beneficio di famiglie, imprese e liberi professionisti. L’avviso per richiederle sarà pubblicato da subito con la delibera sul sito comunale, gli uffici saranno in grado di recepire le domande dal 22 agosto sia via mail che attraverso l’app Smart.Pa. Si tratta di un beneficio reso possibile dai contributi statali per l’emergenza Covid-19 che sotto forma di sgravio andranno a beneficio delle utenze domestiche per il 60 per cento e per il 40 a vantaggio delle non domestiche.

1. Per le utenze domestiche è prevista: una riduzione tariffaria della quota variabile della TARI per ISEE fino a 15.000 euro da applicare ad una sola utenza domestica per nucleo familiare residente nel Comune di Chieti adibita ad abitazione principale;

2. Per le utenze non domestiche è prevista una riduzione tariffaria della quota variabile da determinarsi a favore di tutti i soggetti che svolgono attività d’impresa, arte o professione titolari di partita iva che, alla data di presentazione della domanda di ammissione, svolgono attività economica attraverso la propria sede (domicilio fiscale) oppure un’unità operativa (unità locale) ubicata nel territorio del Comune di Chieti (CH) con i seguenti requisiti:

– essere regolarmente costituiti e iscritte al Registro Imprese o all’Albo della propria categoria oppure sono titolari di partita IVA riferita all’attività di lavoro autonomo svolta e risultino attivi al momento della presentazione della domanda ai sensi del precedente punto;

– rientrare nelle attività rimaste aperte nel periodo emergenza Covid-19 ma con riduzione della propria attività e i propri ricavi in relazione al Covid-19 dandone specifica motivazione;

– non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e non sono soggetti a procedure di fallimento o di concordato preventivo alla data di presentazione della domanda;

– non possedere redditi superiori a 10 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019, e di aver subito una riduzione del fatturato medio mensile e dei corrispettivi del periodo d’imposta 2021 di almeno il 27 per cento rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo d’imposta 2019;

Le domande dovranno pervenire entro il 26 settembre 2022 per l’istruttoria della Società Teateservizi: a mezzo mail all’indirizzo: agevolazionetari2022@teateservizi.it; tramite App “smart.pa” del Comune di Chieti scaricabile da Playstore per Android e da App store per I-Phone (tutorial qui: https://www.youtube.com/watch?v=qdZJi-GlPU8 ).

“Ora più che mai è necessario che ci sia una risposta forte da parte della comunità avente diritto, a fronte pure dell’inflazione che ha portato il carovita a livelli elevati – introduce il sindaco Diego Ferrara – Il bando sarà online con la delibera, le domande potranno essere mandate fra qualche giorno, in modo che gli uffici siano pronti a curare le pratiche. Speriamo di esaurire tutti i fondi a disposizione, questo è il nostro auspicio: che la gente risponda all’avviso, chieda e ottenga i benefici. Riconfermato il principio che abbiamo stabilito già lo scorso anno di raggiungere le fasce più deboli della nostra città, quelle che vivono difficoltà temporanee e quelle economiche più provate dal covid per i ripetuti stop che il virus ha imposto”.

“Abbiamo ragionato e lavorato insieme, condividendo ogni passo con le associazioni di categoria di cui abbiamo accolto le istanze già un anno fa – illustra l’assessore all’Ambiente e Transizione ecologica Chiara Zappalorto – questi fondi ci consentono di sostenere un’ampia fascia di popolazione, perché abbiamo deciso di rivolgerli alle famiglie con redditi Isee fino a 15.000 euro e a imprese e professionisti che nel periodo più nero della pandemia hanno avuto perdite economiche certificabili. La nostra premura è raggiungere più cittadini possibile e dunque l’appello è quello di rispondere all’avviso che sarà pubblicato con la delibera. Fatelo dal 22 in poi in modo da rendere pienamente operativi gli uffici. Sarà comunque nostra premura supportare la cittadinanza, affinché il maggior numero di persone possa rientrare in questa misura e si possano utilizzare tutte le risorse disponibili allo scopo”.

“La somma deriva dai trasferimenti statali legati alla situazione dettata dalla pandemia, che non creano una variazione di tariffa, ma un’agevolazione che subentra successivamente al calcolo – spiegano dice l’assessore ai Tributi Tiziana Della Penna e l’assessore alle Attività Produttive Paolo De Cesare – Puntiamo a rendere più inclusiva possibile la misura, gli sconti sono per ISEE sotto i 15.000 euro, quindi riguardano la gran parte dell’utenza non domestica, ma è largo il perimetro di attuazione anche per le imprese. Sappiamo che le difficoltà legate alla ripresa sono elevate, quindi questo sostegno diventa importante, lo è maggiormente da parte dell’Amministrazione che vuole sostenere comunità e comparto economico per rendere Chieti un luogo dove ricominciare sia possibile e si possa andare oltre lo stop e i danni causati dal covid al settore imprenditoriale e produttivo, tornando a un ritmo capace di creare nuovo sviluppo”.

BREAKING NEWS PIU' LETTE

ARTICOLI SUGGERITI

RELATED ARTICLES