Chieti, emergenza Coronavirus: appello di Giustizia Sociale al Sindaco

Chieti. “In questo difficile momento che noi tutti stiamo vivendo dove ci si chiede di stravolgere le nostre abitudini e il senso di convivialità sociale che da sempre ha distinto la nostra gente per impedire il diffondersi del virus COVID-19, ritengo che ogni iniziativa che una Amministrazione intenda intraprendere nell’interesse della propria comunità assume oggi, più che mai, un carattere di vicinanza e soprattutto di rassicurazione di cui TUTTI abbiamo bisogno”.

Si legge così in un nota del segretario cittadino di Giustizia Sociale, Andrea Iezzi, che prosegue: “E’ per questo che mi appello al Sindaco chiedendo di attivarsi, come già è stato fatto da altri Sindaci in alcuni comuni, affinché venga allestito un automezzo adeguatamente dotato di impianto fonico che percorra, durante il giorno e per almeno 2 settimane, tutte le strade del nostro territorio comunale ricordando alla popolazione sia quali sono le norme igieniche e di comportamento da adottare (i famosi 10 comportamenti da seguire ) come previsto anche nei recenti Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, sia come monito a rimanere a casa per evitare il propagarsi del contagio salvaguardando così la propria salute e quella degli altri.

Questo, a mio avviso, rappresenta da un lato un segnale di vicinanza delle Istituzioni alla popolazione e dall’altro un rafforzamento del senso di fiducia che i cittadini sentono nei confronti dell’Amministrazione, soprattutto quelle persone in età avanzata che non hanno dimestichezza con i social e per le quali una voce ascoltata più volte durante il giorno appare molto più chiara e rassicurante di mille parole che si sovrappongono in maniera confusa e caotica come sta avvenendo in questi giorni in televisione.

Mi auguro che questo piccolo, ma ripeto, importante appello venga raccolto dal Sindaco Di Primio”.