-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Riccardo (IdV): Tutti in piazza a Capodanno tranne Chieti

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 27 Ottobre 2017 @ 13:06

corso_marrucinoChieti. “Tutti in piazza a Capodanno tranne Chieti”. È quanto lamenta il coordinatore regionale Giovani Italia dei Valori Abruzzo, Giampiero Riccardo, che denuncia l’incapacità dell’amministrazione Di Primio di “gestire con raziocinio i pochi soldi a disposizione”.

“Festeggiare il nuovo anno in piazza è ormai una tradizione consolidata anche in Italia – commenta in proposito -. Con qualche euro in meno in cassa ma tanta inventiva, le amministrazioni locali offriranno ai cittadini opportunità anche minime, per dare il benvenuto al 2012 in tutti i capoluoghi di Provincia dell’intero stivale. In tutti tranne uno: Chieti. L’aumento delle tariffe e l’addizionale Irpef recentemente approvata non riescono a colmare l’assenza di risorse, che a Chieti s’accoppia all’incapacità di gestire con raziocinio i pochi soldi a disposizione da parte dell’amministrazione Comunale e al menefreghismo che sublima in cinismo, distintivo dell’attuale classe politica (fatte salve alcune eccezioni). Soltanto parlando di cinismo e incapacità infatti, riesco a giustificare il ripetuto esaurimento del budget per le manifestazioni pubbliche prima del 31 dicembre. Quel poco che c’è da spendere è precedentemente dissipato in eventi dallo scarso rapporto qualità prezzo, oltre che dal relativo interesse suscitato nella maggior parte della popolazione. Bisognerebbe iniziare a chiedersi ad esempio, se i quasi 250mila euro destinati alla “Settimana Mozartiana” non siano più che altro un lusso che l’economia cittadina in questo momento non può permettersi; inchiodata com’è alle vicende umane degli operai ex Burgo, della Sixty, della Teateservizi e di tutte le altre famiglie in difficoltà. Alla gestione approssimativa e spesso clientelare delle risorse, si aggiunge anche il danno alle casse provocato da quei consiglieri comunali, che per i motivi più banali hanno spesso fatto mancare il numero legale durante l’assise pubblica. Sommando il costo delle numerose seconde convocazioni, dei gettoni di presenza addizionali e delle spese di gestione, quanto è costata ai cittadini la lotta tra bande in aula? Il Capodanno in piazza poteva rappresentare un momento di sana e meritata distrazione, senza alcuna distinzione di ceto sociale, dopo un anno (più di uno) di patimenti. Avremmo potuto confortarci reciprocamente in un unico abbraccio collettivo; dando il bentornato ai tanti giovani teatini che studiano o lavorano fuori regione, riappropriandoci per una notte di quella Piazza San Giustino normalmente umiliata e adibita a sosta privata. Invece questa politica c’ha negato anche quello. La vecchia Teate si arrangerà – conclude Riccardo -: chi non potrà permettersi sfarzi resterà a casa, pochi cercheranno sollievo altrove. Io e gran parte dei Teatini, il nostro sollievo l’avremo solo quando questo metodo di rapportarsi alle persone e alla vita sarà definitivamente estinto, tornando a rispettare e dare un valore sacro a chi le tasse le paga per migliorare la qualità della vita di tutti, non per mettere le “pezze” agli errori commessi da alcuni amministratori”.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate