- EVO -

Lago di Bomba, Caramanico (Pd): “Le intese di Chiodi non fermano il progetto Forest Oil”

- SIDEBAR 1 -
Ultimo Aggiornamento: domenica, 29 Ottobre 2017 @ 9:48

lago_bombaBomba. “La soluzione individuata dal Presidente Chiodi per evitare che l’Abruzzo diventi una regione petrolifera forse riuscirà a bloccare il centro oli, ma non certo il progetto di impianto a gas nel lago di Bomba: la legge a cui il Governatore fa infatti riferimento si riferisce solo ad attività inerenti la lavorazione di idrocarburi liquidi e non gassosi”. Ad affermarlo il consigliere regionale del Partito Democratico, Franco Caramanico, commentando le dichiarazioni del Presidente Chiodi sulla soluzione giuridica per far sparire il conflitto tra Regione e Stato sulle attribuzioni della materia in tema di petrolio ed estrazioni.
“Il provvedimento a cui fa riferimento Chiodi – ha spiegato Caramanico – non blocca di fatto il progetto della società Forest Oil corporation che interessa direttamente l’area di Bomba e prevede lo sviluppo del campo gas Monte Pallano, tramite la perforazione e la messa in produzione di cinque pozzi e la realizzazione di un Impianto per il trattamento del gas estratto. Inoltre – ha aggiunto il consigliere del Pd – Chiodi non specifica se l’intesa che la Regione eserciterà per decidere sul proprio territorio in materia di attività estrattive avrà valore retroattivo per il centro oli. Gli annunci del presidente assomigliano a provvedimenti tampone”.  
Per Caramanico lo stop definitivo al progetto di impianto a gas nel lago di Bomba potrebbe venire solo dal Piano regionale per la tutela della qualità dell’aria approvato dal Consiglio regionale nel settembre del  2007. “Stando infatti alle norme contenute nel Piano – ha concluso Caramanico – è fatto divieto  di insediamento alle nuove attività industriali  che emettono emissioni in atmosfera  nelle aree esterne alle aree industriali”.

 

ALTRE NEWS --
- SIDEBAR 2 -

Latest articles

- SIDEBAR 3 -
223,7k Followers
Follow

Notizie Correlate