A Francavilla incontro con Angela Iacobucci

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 2 Novembre 2017 @ 4:31

Francavilla al Mare. Il prossimo sabato 14 marzo alle ore 18 al Park Hotel Alcione di Francavilla al Mare, si terrà un incontro con Angela Iacobucci.
L’iniziativa tende a mettere all’angolo le frane, le malattie, le difficoltà dei rapporti interpersonali, la crisi economica, la crisi morale, sociale e delle istituzioni, tutte le paure di questo minaccioso periodo storico, vi proponiamo di rituffarvi nella cultura al femminile, approfondendo con noi la conoscenza di Ipazia d’Alessandria attraverso l’incontro con Angela Iacobucci, autrice del saggio “Ipazia la sublime”.

“Nei nostri approfondimenti sulle donne nella Storia – dice Maria Rosaria Sisto – non avevamo ancora parlato di Ipazia d’Alessandria, personaggio poliedrico, lontano da noi per mille e settecento anni, ma di una straordinaria attualità. Ipazia ci permetterà di parlare del valore del pensiero femminile spesso oscurato grazie a una memoria volutamente perduta; ci consentirà di capire come una donna in un periodo storico lontanissimo dalla modernità abbia potuto rompere schemi sociali, ruoli, stereotipi. Come associazione culturale riaffermeremo, attraverso il racconto della sua vita e l’analisi del suo pensiero, l’importanza della diffusione della Cultura, che non deve essere appannaggio di elite, consentendoci parallelismi con altre donne che più recentemente hanno lasciato una forte traccia nella Cultura del Novecento. Ma Ipazia con la sua vicenda umana e con la sua morte violenta ci riporta con forza alla più terribile minaccia dei nostri giorni: il fondamentalismo religioso. Ogni religione mostra una deriva disumana quando si trasforma in desiderio di potere e in aberrazione dei principi di pace e solidarietà che l’Uomo ha ricercato in ogni tempo e luogo attraverso la Spiritualità. Ci accompagnerà sulle tracce di Ipazia la nostra amica e socia beneventana Angela Iacobucci, autrice di un bel testo sul nostro personaggio “Ipazia la sublime”. La conferenza sarà arricchita da interventi preordinati di amici e associate e da un dibattito pubblico”.