Vasto, bacheche informative agli accessi di San Nicola e Casarza

Vasto. Sono stati installati in corrispondenza degli accessi, alle spiagge ciottolose, di San Nicola e Casarza, riqualificati nelle scorse settimane, le bacheche informative denominate “Via Verde e Biodiversità – un corridoio ecologico di mobilità” realizzate con il progetto Turismo Responsabile dall’Ufficio Parchi e Riserve e Lavori Pubblici del Comune di Vasto.

Le bacheche hanno la finalità di indicare al cicloturista in che punto della Via Verde Costa dei Trabocchi si trova, quali sono le caratteristiche salienti del tratto di costa vastese che sta attraversando, le valenze naturalistiche e le riserve naturali presenti lungo il percorso della pista ciclopedonale e di fornire le indicazioni di massima sui luoghi di maggior interesse da visitare in città.

“Continua il nostro impegno nella comunicazione ed informazione dei luoghi che caratterizzano i tratti della costa ad alto pregio ambientale – dichiarano il Sindaco di Vasto, Francesco Menna e l’assessore alle Politiche Ambientali, Paola Cianci – affinché turisti e cittadini possano approfondire le bellezze naturalistiche del posto. Si tratta di due accessi al mare inclusi nella fascia di protezione del sistema di aree protette della Costa Teatina istituita con legge regionale numero 5 del 2007. Nella parte descrittiva delle bacheche è possibile leggere la tipologia di ambiente in termini spiaggia, flora, fauna e l’indicazione dei luoghi storici da visitare come la Loggia Amblingh, Palazzo d’Avalos, la Cattedrale di San Giuseppe, la Chiesa di Santa Maria Maggiore, il Parco Archeologico delle Terme Romane, Casa Rossetti. Inoltre è riportata la planimetria con indicate le Riserve Naturali che si affacciano sulla Via Verde Costa dei Trabocchi da Ripari di Giobbe a Punta Aderci e Marina di Vasto. In questo modo vogliamo accogliere al meglio – concludono Menna e Cianci – la fine dei lavori della pista ciclopedonale già apprezzata da molti e che rappresenta il volano per lo sviluppo del cicloturismo del territorio”.