6.5 C
Abruzzo
venerdì, Agosto 12, 2022
HomeNotizie ChietiCronaca ChietiRifiuti ferrosi: denunce per evasione e fatture false

Rifiuti ferrosi: denunce per evasione e fatture false

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 10 Marzo 2022 @ 14:34

Cinque persone sono state denunciate per reati fiscali alla Procura della Repubblica di Chieti dalla Guardia di Finanza di Ascoli Piceno che ha recuperato a tassazione oltre 7 milioni di euro e di Iva per 200.000 euro al termine delle verifiche fiscali condotte a seguito dell’operazione “Easy Money”  che a giugno dell’anno ha permesso di smantellare un’associazione a delinquere, operativa tra le province di Ascoli Piceno e Chieti, finalizzata al traffico illecito di rifiuti, riciclaggio ed emissione di fatture per operazioni inesistenti e che ha portato all’arresto di 13 persone e al sequestro di circa 12 milioni di euro.

 

I finanzieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno,  hanno passato da subito al setaccio le operazioni poste in essere dal sodalizio criminale che, tramite una simulata “copertura” documentale e contabile e con la complicità di”teste di legno”, hanno riciclato i  profitti illeciti per farli rientrare in buona parte ripuliti nella loro disponibilità. In particolare, grazie alle banche dati disponibili sulla piattaforma “Dorsale Informatica” del Corpo, i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Ascoli Piceno hanno seguito questo flusso finanziario e documentale e concluso nei giorni scorsi  verifiche fiscali mirare nei confronti di due società a responsabilità limitata e di una ditta individuale che hanno sede in provincia di Chieti , recuperando a tassazione circa 7,5 milioni di euro non dichiarati al fisco e Iva dovuta per 200.000 euro.

E’ scattata, pertanto, una nuova denuncia nei confronti delle cinque persone, nella loro qualità di amministratori di diritto e di fatto delle aziende sottoposte a verifica, già segnalati in precedenza alla Procura della Repubblica di Chieti, anche per il reato  di  omessa dichiarazione dei redditi.

L’esame dell’ingente mole di documentazione relativa alle fatture false poste a base del riciclaggio dei profitti del traffico di rifiuti metallici, continuerà anche per i prossimi mesi attraverso il monitoraggio dei flussi finanziari, che costituisce il metodo più efficace per individuare i capitali di origine illecita” – si legge tra l’altro  in una nota della Guardia di Finanza di Ascoli Piceno.

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'