Coronavirus, da Alpini e Protezione civile 130mila dispositivi di protezione per lo screening di massa in provincia di Chieti

Chieti. In provincia di Chieti ci si prepara alla campagna per lo screening di massa tramite test antigenici che sarà svolta a gennaio contando anche sull’auspicata partecipazione volontaria dei medici di medicina generale e delle farmacie convenzionate. Il progetto è in fase di stesura e sta tenendo conto dell’evoluzione epidemiologica della pandemia nei 104 Comuni della provincia.

I militari del 9° Reggimento Alpini, di stanza a L’Aquila, in collaborazione con la Protezione civile hanno consegnato questa mattina all’Ospedale di Chieti un carico di dispositivi di protezione. Si tratta complessivamente di quasi 130mila unità tra visiere, guanti, mascherine ffp2 e ffp3, tute. Il materiale sarà distribuito al personale dei Comuni, della Croce rossa e altro personale volontario che parteciperà allo screening. In un secondo tempo saranno consegnati anche i tamponi antigenici rapidi.

«Voglio personalmente ringraziare il 9° Reggimento Alpini, l’Esercito italiano e la Protezione civile – ha detto il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael – per il costante supporto che garantiscono al lavoro dei nostri operatori sanitari in questa fase complessa e delicata per fare fronte alla pandemia da Coronavirus».