Chieti, eseguito ordine di carcerazione per violenza sessuale

Chieti. In data 23.10.2020, la Squadra Mobile della Questura di Chieti ha tratto in arresto un cittadino albanese, di anni 56, attualmente residente in provincia di Chieti, pregiudicato per reati in materia di stupefacenti, per falso e false dichiarazioni, nei confronti del quale la Procura della Repubblica di Chieti – Ufficio Esecuzioni Penali, ha emesso l’Ordine di Esecuzione per la Carcerazione dovendo egli espiare la pena definitiva ad anni 5 e mesi 6 di reclusione in quanto ritenuto responsabile del reato di violenza sessuale.

I fatti risalgono al giugno del 2015 allorquando il predetto adoperò violenza nei confronti di una giovane teatina alla quale aveva offerto un passaggio in macchina per accompagnarla a casa dopo il lavoro.

A seguito delle indagini svolte, che avevano portato subito all’identificazione dell’uomo, era emerso, dalla ricostruzione dei fatti, che questi aveva baciato e palpeggiato la donna nel tentativo di un rapporto sessuale non concretizzatosi grazie alla fuga della stessa che era riuscita a scappare dall’autovettura.

Dopo l’iter processuale, si è avuta la condanna dell’uomo inflitta dal Tribunale di Chieti, successivamente confermata dalla Corte d’Appello di L’Aquila e, in data 21.10.2020, la Corte di Cassazione ha concluso definitivamente la vicenda rigettando il ricorso proposto dall’imputato e stabilendo la definitiva condanna.

Pertanto l’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica di Chieti ha disposto la carcerazione del condannato oltre alle pene accessorie dell’interdizione perpetua dai Pubblici Uffici nonché da Curatela e Tutela anche la Misura di Sicurezza dell’Espulsione dallo Stato.

Dopo le formalità di rito, in ossequio alla normativa penitenziaria in materia di Covid 19, l’arrestato è stato condotto presso la Casa Circondariale di Roma Rebibbia per l’espiazione della pena.

SOSTIENI CITYRUMORS
Svolgiamo il nostro lavoro con continuità e professionalità, tutti i giorni con notizie puntuali e gratuite.
Questo lavoro ha un costo, per questo abbiamo bisogno di te e del tuo aiuto.
Diventa un sostenitore attivo di cityrymors, anche con un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro.
CLICCA QUI e diventa un sostenitore di cityrumors
Grazie! La Redazione.