Anche la ‘Terra’ si è accesa a San Giovanni Teatino

San Giovanni Teatino. Anche la “Terra” si è accesa a San Giovanni Teatino. “Terra” è il tema dell’ultima delle 4 rotatorie luminose, sul tema dei quattro elementi, realizzate negli quattro degli incroci più importanti della città. La prima ad essere completata fu l'”Acqua”, il 9 agosto 2016, all’incrocio tra via Nenni e via Dragonara. Fu poi la volta di “Aria” e “Fuoco”, agli incroci tra via Moro e via Nenni e tra via Moro e via Caravaggio. Da venerdì 2 febbraio 2017, con la “Terra” tra via Nenni e via Tevere, il progetto, in gran parte finanziato con risorse messe a disposizione nel 2010 da Ikea, può dirsi completato.

 “Con quest’ultima rotatoria – dichiara il Sindaco Luciano Marinucci – si conclude il ciclo dei Quattro Elementi: si tratta di un’opera che non solo non ha pesato oltremodo sui cittadini, poiché finanziata in larga parte da Ikea, ma che contribuisce a una viabilità sempre più efficace e a un preciso progetto che dissemina sul territorio un’idea di corrispondenza e di estetica. Inoltre, va ricordato che le rotatorie rientrano nel piano strategico della sicurezza stradale: non solo strade più belle, dunque, ma anche più sicure e che lo saranno sempre di più anche con gli interventi previsti nei prossimi mesi”.

 “La rotatoria ‘Terra’ – spiega il Vicesindaco Giorgio Di Clemente – ha richiesto la rifinitura, la perimetrazione ed il contenimento di 30 aiuole verdi con sponde metalliche. All’interno delle aiuole è stato quindi formato un manto in prato naturale Tifeagle, un’erba particolare che cambia colorazione a secondo della stagione. Diagonalmente ci sono sei piante ornamentali, illuminate con lampade led, mentre la rotatoria è circondata da un marciapiede ed è attraversata da stradine in acciottolato”.

 Il progetto delle quattro rotatorie è dello studio associato Scatigna e Capuano e realizzato dalla ditta Diodato di San Giovanni Teatino
“Solo con la delibera di Giunta del 29 dicembre 2015 è stato possibile dare il via al progetto. – ricorda l’assessore ai lavori pubblici Massimiliano Bronzino Cesario – Siamo stati costretti a rivedere il progetto iniziale, perchè riferito a prezzi di mercato nel frattempo aumentati, ma siamo riusciti a mantenere intatto il valore artistico iniziale. L’opera si inserisce nel più ampio progetto di sicurezza stradale che l’Amministrazione comunale sta portando avanti”.