Lo strappo di Renzi, si apre la crisi di governo

Un mese fa l’attacco di Renzi al governo Conte.

Questo pomeriggio, in conferenza stampa alla Camera, il leader di Italia Viva insieme alle ministre Bellanova e Bonetti e al sottosegretario Ivan Scalfarotto, che hanno annunciato le loro dimissioni, apre formalmente la crisi per il governo Conte-bis.

La crisi non è aperta da Italia Viva ma è aperta da mesi. E’ molto più difficile lasciare una poltrona che aggrapparsi allo status quo. Noi viviamo una grande crisi politica, stiamo discutendo dei pericoli di una pandemia ma un governo non può reggersi solo sull’emergenza. Noi non giochiamo con le Istituzioni, la democrazia non è un reality show” sono questi alcuni dei passaggi del discorso di Renzi che ha aggiunto “siamo pronti a discutere di tutto: un governo con la stessa maggioranza, un governo tecnico o andare all’opposizione, ho messo un paletto no a ribaltoni e no alla destra sovranista e antieuropeista. Quali sono gli sblocchi spetta a Conte deciderlo, di certo non si andrà al voto prima del 2023 e non abbiamo alcuna pregiudiziale sul nome di Conte né sulle formule”.

Poi ricorda la “fiducia incrollabile nel Presidente della Repubblica” e i tre punti cardine da affrontare: metodo e regole della democrazia, cantieri e Mes. Il Mes “significherebbe più fondi per la sanità e se siamo in emergenza sono soldi che servono, e non prenderli per motivi ideologici è da irresponsabili”.

“La crisi politica”, ha concluso Renzi, “si affronta nelle sedi istituzionali e non con post Facebook”.

Quali possibili scenari si aprono adesso?

  • Dimissioni: Conte sale al Quirinale, rimette il mandato e affida la soluzione della crisi al Presidente Mattarella.
  • Non si dimette: Conte assume l’interim dei ministeri lasciati scoperti dalle dimissioni e rimanda la caduta del governo ma sarebbe ostaggio della mozione di sfiducia delle opposizioni perché giunga la sua fine.
  • L’affronto in SENATO: rimproverando una crisi di governo ad Italia Viva alla luce dei 600 morti quotidiani per Covid;
  • La conta in aula subito per cercare appoggio da renziani pentiti o transfughi di partiti (ma lo scenario non è gradito né al Pd né a Mattarella);
  • Salire al Quirinale per chiedere del tempo e ottenere il mandato per cercare una nuova solida maggioranza;
  • Il rimpasto
  • Cambio di leadership attraverso l’apertura delle consultazioni per un nuovo governo ma retto dalla stessa maggioranza (Pd, 5 stelle, Leu, Iv).
  • Governo di unità nazionale con tutti dentro (anche se già escluso nei giorni scorsi dalle parole di Andrea Orlando, Pd).